Petto e ‘ffaiul

4 Lug

Bongiorno cumbà. Hui visht che ngi’ schta nisciun t’aggia dà la ricett mia preferiita, chella dell’anema, proprio. La ricett sa chiama PETTO E ‘FFAIUL. Congettina, abbella, pero’ non mi puoi scaminare cussi’ addavandi con quel culo, fammi un favore, vatte a ccopri’, mettete chell’andra divisa, chesta jè trashparende. Sei capito Congetti’? Eh. Nzomma. Ma ttu vedi le figliole di oggi, ma io non lo so’.

Schcusa cumbà, riprentiamo. Cumbà? Me stà a ssecuire? Ah.
Alloora. Pecché è schpesciale la ricett PETTO E ‘FFAIUL? Pecché? Lossai tu? Enno’, pecché nno che non lossai. E alloora mo te lo schpieco. Jè schpesciale pecché oltre al petto ngi’ schtann i ‘ffaiul. I ‘ffaiul. Si’ capit? Eenno’, nunnè cussi’ semblisce come te la penzi tu. I ‘ffaiul normalmeende sono portine, porteine, mo’ il nome presciso lascia perdere, comungue so’ ccome la carne. Quinti uno dice la carne più la carne. E ‘nvesce no. Cumbà, pero’ m’ha a ssecuire, senno’ che ngi schtiamo a pigllià ppuu culu? Eh. Riassumento. La carne e i ‘ffaiul sono entrampi protine e queschto farebb che normalmeende assieme non gi potono schtà. CONGETTA, MI DEVI FARE IL FAVORE, TI DEVI ANDARE A VESTIRE. CHE MO’ TRA POCO ARRIVANO I CLIENDI E MICA POSSIAMO FARE QUESCHTA SCENEGGIATA. TI SI VETONO LE MUTANTE CUNGÈ. Vatti a cagnare mett’t’ chella addivisa che schta addendro allo schtanziino. Eggià te lo so’ ditt na vota Cungè. Non mi fare ripetere. Mi dischtrae schtà figliola, chaggia fà, e io mi devo trattenere, che chella jè la figlia della cumbare Sborgia, mica glela pozz menare le mano accussi’ libberameende. Porca la puttana la ricett. Ndo’ schtavam? Assi’, ai ‘ffaiul.
Alloora, come si fa il petto e ‘ffaiul. Innanzitutto glincretiendi. Freshchi addano a esse, tutteddù. Tu prenn lu petto de paull (Come?) Lu pett de paull (Come?) LU PETT, NON ZI’ MAI VISHT NU PAULL? DA DDO’ VIEN’, DA MARTE? Nu paull, pero’ nno’ troppo crante, mediopiccolo cussi’ jè cchiù ffacil da pelare. Lo prenn per la cola e lo peli comingianto dalla cota e antanto sembre ppiù verzo il pett. Quanto sei arruàt al petto ti fermi e lo lasci riposare. Cingue minuti minimo. S’addeve rapprentere sinno’ nonn jè bbono. Fitati. Congetta, mo telo tico pellultima vota, ti devi annà a cagnare. Affinisc topo di portare i piatti. Mo’ come prima ccosa TE DEVI ANNÀ A CAGNARE. Congè nun me fà ngazzare, ché io mo’ so’ bbuono e ccaro pero’ sembre uomo so’, mo’ proprio per parlarci chiaro Congè. Tu ndorno a mmè ccu culu in vishta non gi devi shtà, mi fai del male. Soffoco Congè. Eccheccazz.

Shcusa cumbà, dicevamo. In quesht rishtorand non zi puo’ shtare natimo tranquilli. Epprima Gino, e mmo’ Congetta, me pare de shtà a cambà ppè ssopportà li shfrasceli. Non zi puo’ vivere cussi’. Nzomma prenn shto paull doppo che llài pelato, ngi mishchi i ‘ffaiul, metti n pendola, ciri, ciri, acciunci il suco..

[*sciàff*] BBeella vien accà nu mumend, AHI!!!, Nun ffà ccussi’ Cungè, NNNOOO AHI VATO A CAMPIARMI VATO!!, Enno’ Cungè mo’ no, [*sciàff*], AHII!!, HIHI!! Hihi!! hihi   VIENO QQUÀ ABBELLA           Hihi

Ciài nu culu Cungè

Hihi

SHCUSA CUMBÀAA FINIAMO NANDRA VOOOTA MICA TI TISHPIAAASC

hiii

Pul(p)ett ai fofe

1 Lug

Quesht jè lu rishtorand Da Fefeo. Je son Fefeo. Bongiorno. (Bongiorno). Lu mè rishtorand jè lu mej’ che ‘ngi shtà ‘n chesht’ terr d’aur’. Nun te lo devi da shcurdà e accà ce devi portà tutti li amisc’ tuoi. Gino, chella assedia nun va bbone llà, cande vote te lo devo dire, non mi fa’ ngazzà Gino. Che mo’ sei arrivato. Ti so’ detto schposhta chella assedia già na vota? Si’? Si’. E tu la dovevi da aver già schpushtat la assedia.

Schcusat l’inderruzzione. Hui parlemm della prima ricett. Cioè PUL(P)ETT AI FOFE.
Le Pulpett’ ai Fofe son na spescialità di Fefeo. Emmo’ te schpieg pecchè. NO GINO, ACCA’, NO ALLA’. TE LO SO’ GIA’ DITT, GINO.
Alloor’. Tutti fann le pulpett, no? Schin’. Tutti fann le pulpett. Prennen’ la carne, mishchiano, schprezzemolano, salano, pepano, frijeno, e magneno. Pare tutt appoosht, e nvesc’ none, pecchè ‘n chelle pulpett ci shta solo la carne. Schin vabboone, e jamme, ci shta pur lu petrosin’, pero’ nzomma la carne jè la bbase. Ci siamo capiti. Bongiorno signo’, tutto bbene? Shine mo’ arrivo, shto finent di schpiecare la ricett mo’ arrivo. Indando si possino accommodare al tavolo vi mando subbito Gino, GINO, VAI A VEDERE COSA ORDINA LA SIGNORA, datte na mossa, Gino [*sciàff*], camiina, SIGNORA, SHTA ARRIVANTO GINO, ECCO QUA’, mi raccomanto il vino proponi chello vecchio che cosht di ppiù, Cioè, volevo dire, che è chell cchiu’ bbone. Dicevamo. Tutti fann le pulpett con la carne solamende, io, invece, faccio le Pulpett ai FOFE.

Emmo’ ti do’ pure la ricett. Schin Signo’, ti so’ dett che mo’ arrivo. Schto per finire. Arrivo. Un zecondo. Allora tu prendi le fofe. Ma devono da esse chelle freshche freshche, chelle appena colte proprio, che sso’ cchiu’ morbide. Le metti tutte assieme cande sono addentro al tecame, ce l’hai un tecame? E cand’ jè grande? Schine, va bbone, ottima misura. Metti le fofe nel tegame, freshche pero’, m’arraccomando, capito? Sei capito?, aggiungi la carne, lu petrosin’, il pepe, il sale no. E peschti. Io in genere faccio col fondo di una bottiglia usata, ma tu prendi chello che ti ritrovi, chesso’, n’andro tecame più piccolo, il pugno chiuso al limite, se le fofe sono freshche non gi schtann’ probblemi. E shchiacci. Tutto assieme e shchiacci. SIGNORA, SHTO’ ARRIVANTO, UN ATTIMO, CHE QUA’ NON E’ CHE POSSO SEMPRE ESSERE A DISPOSIZZIONE, SCHTO SCHPIECANTO LA RICETT, HO QUASI FINITO, MO’ ARRIVO.
Quanto hai finito di shchiacciare, e soltando allora, m’arraccomando, aggiungi il sale, bagni tutto di acqua e metti sul fuoco alto alto, che si deve fare la croschticina. Poi quanto l’acqua si asciuca tu ce l’aggiunci, un filo alla volta. Shchusa solo un attimo, eh.

A’ Signo’, mi si’ cacat lu cazz.